Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le FFS vogliono esternalizzare attività nel settore dell'infrastruttura: nel comparto del rinnovo dei binari la quota gestita da privati dovrebbe passare dall'attuale 6% a circa il 50%. Il sindacato dei personale dei trasporti SEV teme la soppressione di 200 impieghi.

I piani dell'azienda controllata dalla Confederazione sono stati rivelati oggi dalla Schweiz am Wochenende. In una presa di posizione, le Ferrovie federali smentiscono i tagli: quello che cambierà sarà unicamente il modello di assegnazione dei lavori. Lo scopo è garantire l'innovazione e l'uso efficiente del denaro dei contribuenti, viene affermato.

Di parere diverso è Urs Huber del SEV: un documento interno afferma che l'operazione comporta "notevoli possibilità di risparmio", con la cancellazione fino a 200 posti di lavoro. Secondo Huber - interpellato dall'agenzia Keystone-SDA - il problema è che nel settore non vi è un vero e proprio mercato: le FFS intendono delegare la responsabilità quale appaltatore generale, "avendo la sensazione che così i costi diminuiranno". In questi casi però secondo il SEV vanno perse molte conoscenze, perché gli specialisti passano ai privati. Il sindacato teme inoltre che questi ultimi si accaparrino i progetti più lucrativi, lasciando alle FFS quelli più ostici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS