Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il sudcoreano Chung Mong Joon, uno dei candidati alla presidenza della Fifa, ha annunciato oggi che intende portare in tribunale Sepp Blatter, attuale capo dell'organo di governo del calcio mondiale.

"Voglio citare in giudizio il signor Blatter per appropriazione indebita", ha detto milionario asiatico a Londra. "La Fifa è diventata un'organizzazione corrotta che serve gli interessi di pochi", ha detto l'ex vice presidente della Fifa, che ha definito il 79enne dirigente svizzero come "ipocrita e bugiardo".

Blatter è già sotto inchiesta da parte dei tribunali svizzeri, che hanno aperto a fine settembre un procedimento penale contro di lui con l'accusa di "gestione fraudolenta e appropriazione indebita". Chung martedì ha detto in una conferenza stampa a Seul che è stato oggetto di indagine da parte del comitato etico della Fifa, che potrebbe imporgli una condanna fino a 19 anni di sospensione da qualsiasi attività legata al calcio.

Chung è accusato di irregolarità nel periodo in cui la Corea del Sud è stata in corsa per ospitare la Coppa del Mondo 2022, che è stata poi assegnata, non senza polemiche, al Qatar. L'asiatico, membro del comitato esecutivo fino al 2011, ha detto che il caso è stato archiviato nel 2010 ed è riuscito fuori solo dopo aver annunciato la sua intenzione di correre per la presidenza della Fifa.

Il 26 febbraio 2016 a Zurigo l'organo che guida il calcio mondiale sceglierà un nuovo presidente in un congresso straordinario. I candidati devono presentare le candidature ufficiali entro il 26 ottobre, fornendo una lettera di sostegno da parte di almeno cinque federazioni affiliate. Oltre a Chung, hanno annunciato la loro intenzione di candidarsi anche il francese Michel Platini, presidente della Uefa, e il principe giordano Ali bin Al Hussein, che ha già perso a maggio contro Blatter alle ultime elezioni.

Anche Platini è sotto indagine da parte del comitato etico della Fifa a causa di un pagamento controverso ricevuto dalla Fifa stessa nel 2011, che fa parte delle indagini penali che la giustizia svizzera ha avviato contro Blatter.

L'organo di governo del calcio mondiale è avvolto in un vortice giudiziario dal 27 maggio, due giorni prima della rielezione di Blatter, quando la polizia svizzera, su richiesta della giustizia americana, fermò sette alti dirigenti a Zurigo, accusati di far parte di un vasto sistema di corruzione dedicata al pagamento e alla riscossione di tangenti provenienti dalla vendita dei diritti televisivi delle competizioni internazionali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS