Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ex stella del football tedesco Franz Beckenbauer e lo spagnolo Angel Maria Villar sono oggetto di un'inchiesta da parte della Fifa.

La Federazione internazionale di calcio ha reso noto oggi che i procedimenti relativi ai due dirigenti "sono già stati trasferiti alla camera arbitrale" del Comitato etico della Fifa.

La Fifa non ha precisato i motivi alla base del procedimento. Beckenbauer, attuale presidente onorario del Bayern Monaco, è stato il presidente del Comitato dei Mondiali di Germania 2006 ed è stato accusato proprio in questi giorni dal magazine Der Spiegel di avere comprato quattro voti decisivi della Fifa per assicurarsi l'organizzazione dei campionati.

Villar, vicepresidente più anziano della Uefa (Unione delle associazioni calcistiche europee), ha da poco preso le funzioni di Michel Platini dopo la sospensione per 90 giorni del francese dalla presidenza.

La camera investigativa del Comitato etico presieduta dall'avvocato svizzero Cornel Borbely ha inoltre confermato che sono in corso i procedimenti contro il presidente della Fifa Joseph Blatter e il numero uno della Uefa Michel Platini, incentrati sul pagamento di 2 milioni di franchi svizzeri a favore di Platini nel 2011 per lavori svolti dal 1999 al 2002.

L'organismo spiega che "farà tutto ciò che è in suo potere per far sì che una decisione possa essere presa dalla camera arbitrale, presieduta da Hans-Joachim Eckert, entro il periodo della sospensione di 90 giorni dei due dirigenti".

Confermato inoltre il procedimento nei confronti del segretario generale della Fifa, Jerome Valcke, anch'egli sospeso per 90 giorni. Proseguono, infine, le indagini sulle presunte violazioni del Codice etico della Fifa da parte di Worawi Makudi, Jeffrey Webb, Ricardo Teixeira, Amos Adamu, Eugenio Figueredo e Nicolas Leoz.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS