Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Lascerò il 26 febbraio, non un giorno prima. Mi batterò fino alla fine per me e per la Fifa. Sono convinto che il male verrà alla luce e che il bene prevarrà". È la replica del numero uno della Fifa, Sepp Blatter, alla rivista tedesca "Bunte".

Blatter chiarisce di essere al centro di un "attacco mediatico" ma che nonostante tutto non cederà alle pressioni e non lascerà la presidenza dell'Organo di autogoverno del calcio mondiale prima del congresso straordinario fissato a Zurigo per il 26 febbraio.

"Sono stato condannato senza che sia stata provata alcuna irregolarità da parte mia. È veramente scandaloso", prosegue il dirigente svizzero a cui nei giorni scorsi è arrivata la richiesta di dimissioni immediate da parte di 4 grandi sponsor della Fifa: Coca-Cola, Visa, McDonald's e Budweiser.

Sulle accuse avanzate dalla procura elvetica che sospetta Blatter di versamenti illeciti a favore del numero uno dell'Uefa Michel Platini, il presidente della Fifa conclude: "Questa è solo un'indagine, non un atto d'accusa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS