Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente sospeso dell'Uefa, Michel Platini, non sarà presente all'audizione presso il comitato etico della Fifa prevista per venerdì. La condanna è già scritta secondo i suoi legali.

La decisione dell'ex stella della nazionale francese e della Juventus deriva dalle indiscrezioni emerse nei giorni scorsi, e riprese da diversi media, secondo le quali Andreas Bantel, portavoce della commissione d'inchiesta che ha investigato sul caso, ha anticipato che Platini e il presidente sospeso della Fifa Joseph Blatter verranno squalificati a vita dal mondo del calcio. Bantel ha successivamente diffidato la stampa ad utilizzare quelle dichiarazioni perché frutto di "un'intervista non autorizzata".

I legali di Platini hanno sottolineato che le osservazioni di Bantel mostrano "un disprezzo per la presunzione di innocenza" e che Platini non presenzierà all'udienza in segno di "indignazione per una condotta che mostra la volontà politica di impedirgli di correre per la presidenza della Fifa".

Il comitato etico, in una nota, ha affermato che il caso Platini è stato trattato "in modo indipendente e imparziale".

Platini e Blatter attendono il verdetto definitivo del comitato etico della Fifa sul caso legato a un pagamento ricevuto nel 2011 dal presidente sospeso dell'Uefa per servizi resi tra il 1998 e il 2002. Entrambi hanno fin da subito negato le accuse di corruzione a loro carico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS