Navigation

FIFA difende Infantino in vicenda volo in jet privato

Il presidente della FIFA Gianni Infantino KEYSTONE/AP/Markus Schreiber sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2020 - 10:37
(Keystone-ATS)

La FIFA difende il suo presidente Gianni Infantino accusato di falsa testimonianza in relazione a un volo transcontinentale in un jet privato. La federazione internazionale del calcio reagisce così a informazioni pubblicate sulla stampa.

"Il presidente della FIFA si è recato nel Suriname nell'aprile 2017 durante un viaggio nella regione CONCACAF" (Confederazione calcistica del Nordamerica, America centrale e Caraibi), ha comunicato la federazione lo scorsa notte precisando che il volo di ritorno era "conforme alle norme e ai regolamenti della FIFA".

La Süddeutsche Zeitung aveva riferito che Infantino aveva noleggiato con un preavviso minimo un aereo privato per tornare in Svizzera. Avrebbe giustificato il volo con appuntamenti urgenti in programma il giorno successivo.

Secondo il giornale tedesco era in particolare previsto un incontro con il presidente dell'UEFA Aleksander Ceferin. Ma questo incontro non avrebbe mai avuto luogo.

Gianni Infantino era già stato oggetto di critiche all'inizio del suo mandato nel 2016 a causa delle sue abitudini di volo. Ma il costo totale dei voli privati ​​è "notevolmente diminuito con nuova gestione della FIFA nel 2016", afferma la federazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.