Navigation

Figlio Bolsonaro rinuncia a nomina in ambasciata Usa

Eduardo Bolsonaro, figlio del presidente brasiliano Jair. KEYSTONE/AP/ERALDO PERES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 ottobre 2019 - 15:14
(Keystone-ATS)

Il deputato brasiliano Eduardo Bolsonaro, figlio del presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha annunciato di aver rinunciato alla sua ventilata nomina per la carica di ambasciatore brasiliano negli Stati Uniti.

Lunedì lo stesso capo dello Stato, dal Giappone, dove ha cominciato un tour diplomatico in Asia, aveva dichiarato di preferire che il figlio rimanesse in Brasile per "pacificare" il Partito social-liberale (Psl, di destra) di cui fa parte e travolto da una grave crisi interna.

Il presidente della Repubblica aveva manifestato per la prima volta a luglio la sua intenzione di indicare il figlio Eduardo per la sede diplomatica di Washington. Da allora, Bolsonaro Jr. ha consultato vari senatori per ottenerne il supporto per la sua nomina, che deve essere comunque approvata dal Senato.

Ma ha affrontato la resistenza di molti parlamentari, che hanno tra l'altro accusato il capo dello Stato di nepotismo, lasciando intendere al leader di governo che non avrebbe probabilmente ottenuto abbastanza voti per il via libera al figlio. La situazione è poi precipitata dopo che un audio ha rivelato il pressing di Jair Bolsonaro per far assumere al figlio il ruolo di capogruppo del Psl alla Camera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.