Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GENOVA - Il terzogenito del colonnello Gheddafi, il calciatore mancato Al Saadi, e' stato condannato dal Tribunale di Chiavari (Genova) a pagare 392 mila euro a uno degli alberghi piu' lussuosi della Liguria, l'Excelsior Palace di Rapallo, in cui aveva soggiornato per una quarantina di giorni tra la fine del 2007 e l'inizio del 2008. Al momento di andarsene firmo' una accettazione ma nessuno poi saldo' il conto.
Sulla notizia, anticipata oggi dal Corriere della Sera, nessun commento da parte del direttore dell'albergo, che ha trattato con estrema cautela la vicenda cercando diverse strade per ottenere il saldo prima di ricorrere ai giudici. La conclusione della vicenda e' arrivata ieri con la sentenza depositata dal giudice Andrea Del Nevo, che obbliga il figlio del leader libico a pagare anche 5.000 euro di spese legali.
All'epoca del soggiorno, il figlio di Gheddafi si era stabilito per alcuni mesi in Riviera per allenarsi con la Sampdoria. Il curioso tesseramento del giocatore Al Saadi per la squadra della famiglia Garrone produsse soltanto qualche allenamento e qualche calcio al pallone senza pretese.
Gheddafi junior, che oggi ha 37 anni, si faceva pero' notare in Riviera per il grande Suv nero con cui si muoveva sempre accompagnato da guardie del corpo e assistenti e per le feste all'Excelsior, rigorosamente a base di piatti prelibati come aragoste e champagne.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS