Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno dieci persone sono morte oggi nelle Filippine in una serie di agguati legati alle elezioni in corso, in un arcipelago dove la violenza politica - specie a livello locale tra clan rivali - è un problema cronico.

Tuttavia, le autorità di Manila hanno definito gli attacchi "incidenti isolati", senza effetto sui risultati del voto, che si è svolto in generale in un'atmosfera pacifica.

L'episodio più grave si è verificato a Rosario, una città vicino a Manila nota per essere un'area di faide locali, dove sette persone sono state uccise in un'imboscata a poche ora dall'apertura dei seggi. Nell'isola meridionale di Mindanao, a Guindulungan un elettore è stato ucciso con un colpo d'arma da fuoco mentre era al seggio, mentre a Cotabato un passante è morto nell'esplosione di una boma a mano lanciata in un mercato dove erano in corso le operazioni di voto. In campagna elettorale si erano contate altre 15 vittime.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS