Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Catena della solidarietà e la SSR organizzano lunedì prossimo una giornata nazionale di raccolta di fondi per le vittime del tifone Haiyan che ha devastato le Filippine. Fino a oggi verso mezzogiorno sono già stati donati 2,15 milioni di franchi, indica la Catena della solidarietà in una nota.

Lunedì tra le 06.00 e mezzanotte saranno allestite delle centraline telefoniche per raccogliere le promesse di donazione negli studi della SSR a Berna, Coira, Ginevra, Lugano e Zurigo.

Con tali donazioni la Catena della Solidarietà co-finanzierà progetti di aiuto delle dodici organizzazioni umanitarie partner attive nelle regioni colpite dal tifone.

Si tratta di Adra (Ente avventista di soccorso e sviluppo), Medici senza frontiere (MSF), Caritas, CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo, Handicap International, Aiuto delle chiese evangeliche della Svizzera (ACES), Medair, Médecins du Monde, Croce Rossa Svizzera (CRS), Solidar Suisse, Terre des hommes - Aiuto all'infanzia e Sacrificio quaresimale.

Oltre ad inviare sul terreno i propri team che si occuperanno della messa in opera dell'aiuto umanitario, esse possono appoggiarsi su organizzazioni locali che conoscono le regioni sinistrate e dispongono di una vasta esperienza nell'aiuto d'urgenza. Sul posto ci sono peraltro anche 18 esperti del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA).

Quella di lunedì sarà la 35esima giornata di raccolta di fondi organizzata dalla Catena della Solidarietà. Nel corso dei suoi 67 anni di storia, sono stati raccolti più di 1,5 miliardi di franchi.

Già sin d'ora le donazioni possono essere effettuate sul conto postale 10-15000-6 con l'annotazione "Tifone Haiyan" o sul sito www.catena-della-solidarieta.ch. In tutti gli uffici postali si trovano inoltre le polizze di versamento intestate alla Catena della solidarietà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS