Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nonostante il cessate il fuoco dichiarato proprio ieri sera, si sono intensificati nella notte i combattimenti fra l'esercito e i ribelli islamici separatisti nella città filippina di Zamboanga.

Secondo l'esercito, almeno 53 persone sono state uccise dall'inizio dei combattimenti, entrati nel sesto giorno consecutivo a Zamboanga, conosciuta come la città dei fiori. Decine di persone sono rimaste ferite mentre 60mila sono gli sfollati con decine di abitazioni bruciate o danneggiate.

I ribelli hanno colpito postazioni del governo e sequestrato civili per usarli come scudi umani. Nella tarda serata di ieri, il vicepresidente delle Filippine, Jejomar Binay, ha detto di aver parlato con il leader dell'Mnlf (Fronte nazionale di liberazione Moro), Nur Misuari, ed entrambi si sono accordati per un cessate il fuoco per risolvere il conflitto. Un ordine che però è stato violato nella notte.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS