Navigation

Filippine, tifone si aggiunge al coronavirus

Un nuovo flagello ha colpito le Filippine. KEYSTONE/EPA/JEROME PEDROSA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 maggio 2020 - 07:51
(Keystone-ATS)

Situazione precaria nelle Filippine, dove l'arrivo del tifone Vongfong rende la lotta al coronavirus ancora più complicata: 140'000 persone hanno dovuto prendere posto in rifugi d'emergenza, hanno annunciato le aurorità.

Il paese ha anche milioni di persone confinate a domicilio a causa dell'epidemia.

"Occorre sempre indossare le maschere e osservare le regole di distanziamento sociale", ha indicato all'agenzia francese Afp Carlito Abriz, funzionario della polizia. "Ma è difficile far rispettare le regole, perché le persone si trovano in una situazione di stress".

Le autorità hanno detto che i rifugi d'emergenza funzioneranno solo al 50% della loro capacità, che forniranno mascherine a chi non le ha e che cercheranno di non separare le famiglie.

I problemi sono accresciuti dal fatto che le strutture previste in tempi normali come centri di evacuazione sono al momento convertiti quali zone di quarantena. Nelle Filippine il coronavirus ha infettato 11'800 persone e fatto 790 morti.

L'arcipelago è colpito in media da 20 tifoni ogni anno, che causano vittime e danni considerevoli, contribuendo a mantenere milioni di persone in condizioni di povertà. Il ciclone più letale mai registrato nel paese è stato il super tifone Haiyan, che nel 2013 ha fatto 7300 morti e dispersi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.