Navigation

Filippine: uomo fa irruzione in una scuola, 3 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2010 - 18:28
(Keystone-ATS)

ZAMBOANGA - Un ex detenuto ha fatto irruzione in una scuola nel sud delle Filippine armato di coltello e ha ucciso tre persone, tra cui un ragazzino di 12 anni, prima di essere a sua volta colpito a morte da lanci di grosse pietre scagliate da abitanti della zona. Lo riferiscono fonti di polizia precisando che la scuola si trova a Zamboanga, nel sud del paese.
Oltre al ragazzino, l'uomo ha ucciso il nonno che gli aveva fatto visita e un'insegnante. Ci sono anche sei feriti. Secondo le prime ricostruzioni "l'ex detenuto è entrato in una classe, ha accoltellato l'insegnante al torace, poi ha ferito altri due insegnanti e due alunni". Poi ha cercato di entrare in altre stanze dell'edificio scolastico colpendo altri allievi lungo il percorso. Alla fine è stato lapidato dagli abitanti della zona, accortisi del massacro in corso.
L'assassino, che non è stato identificato, lavorava come guardiano di galli da combattimento. Era stato condannato a 27 anni di carcere per stupro, era stato liberato nel 2008.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?