Navigation

Film su Marilyn: Naomi Watts sì, Jolie smentisce

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 agosto 2010 - 12:17
(Keystone-ATS)

ROMA - Boom di inediti e libri dedicati a Marilyn Monroe ma anche il cinema non si fa attendere. Al mercato del festival di Cannes 2010 era stato annunciato un biopic, Blonde, con protagonista Naomi Watts e la regia di Andrew Dominik, intanto il nome di Angelina Jolie circola con insistenza per il ruolo della leggendaria star nella trasposizione cinematografica del romanzo The Life And Opinions Of Maf The Dog, And Of His Friend Marilyn Monroe, scritto da Andrew ÒHagan.
Lo stesso scrittore all'Edimburgo Book Festival lo ha fatto, annunciando anche quello di George Clooney nei panni di Frank Sinatra. Peccato che la stessa Jolie sia caduta dalle nuvole e abbia smentito la notizia due giorni fa alla premiere londinese di Salt dicendo al cronista: "è molto divertente perchè ho sentito questa notizia oggi per la prima volta. Non ne sapevo nulla. Suppongo di dovermi sentire lusingata...".
I siti di tutto il mondo comunque, vera o falsa la notizia, ci sono andati a nozze e su morphting.com c'è anche l'ipotetica trasformazione che farebbe della statuaria Angelina una morbida Marilyn, arcuando le sopracciglia, riducendo il volume delle labbra, abbondando di ciglia finte gli occhi per rendere meno aggressivo e più sensuale lo sguardo. Ma i commenti sui post non sono tutti positivi per questa scelta.
Più curiosa è la trama del romanzo e dunque del film che avrebbe per vero protagonista un cane, quello regalato nel 1960 da Sinatra alla Monroe dopo la rottura con Arthur Miller. Il cane Maf (che sta per Mafia), un maltese dagli occhi azzurri e sguardo dolcissimo, è stato accanto a Marilyn negli ultimi due anni di vita. E fu anche testimone della tragica notte del 5 agosto, per poi essere affidato, dopo la morte della Monroe, a Gloria Lowell, segretaria di Sinatra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.