Navigation

Finlandia: conservatore Niinisto eletto presidente

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 febbraio 2012 - 21:59
(Keystone-ATS)

Il conservatore Sauli Niinisto è il nuovo presidente finlandese. Niinisto ha vinto il ballottaggio con l'ambientalista Pekka Haavisto, che ha ammesso la sconfitta quando mancava ancora l'ufficialità ma Niinisto era in testa con oltre il 62 per cento dei voti, contro circa il 37. Niinisto, 63 anni, è il primo capo dello stato conservatore dal 1956, una carica appannaggio dei socialdemocratici per 30 anni. Succede alla popolarissima Tarja Halonen, prima donna capo dello stato nordico, che non può essere rieletta avendo già completato due mandati.

Le temperature di oggi, tra i meno 30 ed i meno 40 gradi, non hanno tenuto lontani dai seggi i circa 4,4 milioni di elettori iscritti alle liste, il 36 per cento dei quali aveva comunque già votato in seggi aperti in librerie pubbliche, scuole e grandi magazzini. Ex ministro delle Finanze, il presidente eletto è un esponente di spicco del partito di centro-destra 'Kokoomus' (Coalizione nazionale) del primo ministro Jyrki Katainen, che con i suoi 40 anni è il più giovane capo di governo dell'Unione europea. I conservatori controllano ora governo e presidenza. Convinto europeista, Niinisto aveva incentrato la propria campagna elettorale sul futuro dell'Unione europea e sulle ricette per uscire dalla crisi che attanaglia le economie di Eurolandia, di cui Helsinki fa parte.

Secondo gli osservatori, ha beneficiato della grande credibilità ispirata all'elettorato in un periodo di crisi finanziaria, principale preoccupazione per i finlandesi, secondo i sondaggi. Haavisto, giunto al ballottaggio grazie alla sua vasta esperienza internazionale e ai successi ottenuti al ministero dell'Ambiente, potrebbe aver pagato la sua dichiarata omosessualità e la convivenza con un parrucchiere ecuadoriano, un ostacolo per l'elettorato più tradizionalista. A Bruxelles sperano che la vittoria di Haavisto riduca le montanti pressioni sul governo di coalizione per adottare una linea più dura nei confronti dei partner europei indebitati e le tentazioni anti-euro. La Finlandia è uno dei pochi Paesi rimasti nell'Ue con la tripla A e i candidati euroscettici usciti sconfitti al primo turno avevano proposto il ritorno alla moneta nazionale, il marco finlandese, durante la campagna elettorale.

In qualità di presidente, Niinisto avrà scarso potere esecutivo, al di là della politica estera e di difesa, ma potenzialmente avrà una forte influenza sull'opinione pubblica finlandese. Un capo dello stato euroscettico avrebbe potuto fare pressioni sul governo per dire no ai salvataggi dell'Ue dei Paesi schiacciati dai debiti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?