BERNA - Un fallimento dell'accordo tra Svizzera e Stati Uniti a proposito dei problemi dell'UBS con il fisco americano potrebbe comportare nuovi provvedimenti giudiziari contro la banca e altri istituti, ha avvertito l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA).
"Se non si trova alcun terreno d'intesa, il rischio è che nuovi procedimenti siano avviati non solo contro l'UBS, bensì anche contro altri istituti finanziari svizzeri", ha rilevato Urs Zulauf, membro della direzione della FINMA, in occasione della conferenza stampa sul 2009.
L'accordo firmato nell'agosto 2009 tra Berna e Washington, che prevede la trasmissione agli USA di 4450 nomi di clienti dell'UBS che hanno evaso il fisco americano, è stato dichiarato illegale in gennaio dal Tribunale amministrativo federale. Il Consiglio federale intende ora sottoporlo al parlamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.