Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rilanciare la democrazia dal basso e il ruolo delle rappresentanze territoriali, per ridurre la distanza che separa persone e istituzioni. Questa la missione del 'Manifesto delle Assemblee legislative regionali, sub-nazionali e statali firmato oggi a Milano.

Il documento è firmato dai rappresentanti dei parlamenti di Europa, America, Asia e Africa al termine del primo Forum mondiale che li ha riuniti.

L'appuntamento, organizzato dalla Calre (la Conferenza delle assemblee legislative europee), ha impegnato per due giorni nei palazzi della Regione Lombardia a Milano gli oltre 200 delegati in riflessioni sui temi della democrazia e delle relazioni internazionali, e in otto tavoli di lavoro tematici.

Il Manifesto, approvato all'unanimità, è stato sottoscritto dai rappresentanti di dieci assemblee che raggruppano parlamenti regionali: Calre (Europa), Aer (Europa), Aebr (Europa), Ncsl (Usa), Tcf (Taiwan), Cplre (Stati Paneuropei), Pcl (Filippine), Unale (Brasile), Jlc (Giappone). Individuate anche alcune priorità di intervento, come rilancio della competitività, eliminazione di povertà e fame, welfare, sviluppo sostenibile e politiche di bilancio e politiche finanziarie.

"Oggi nasce una rete per lavorare insieme", ha spiegato il presidente del Consiglio regionale lombardo e della Calre Raffaele Cattaneo, in una conferenza stampa con i presidenti delle associazioni degli altri continenti. "Senza il livello regionale legislativo il rischio è che la legge e la democrazia si allontanino dal territorio e dai cittadini", ha concluso Cattaneo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS