Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In relazione all'accordo fiscale con l'Austria e la Gran Bretagna, la Svizzera ha versato al fisco di questi due Stati 1,6 miliardi di franchi tra il mese di luglio 2013 e l'agosto scorso. Stando a una nota odierna dell'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC), Londra ha ricevuto globalmente 469,5 milioni di sterline (717 milioni di franchi) e Vienna 738,3 milioni di euro (891 milioni di franchi).

Tali cifre risultano dai prelievi eseguiti sui conti di cittadini britannici e austriaci nel periodo in rassegna che si sono annunciati al fisco del rispettivo paese. L'imposizione a posteriori di averi non dichiarati è ormai esclusa.

Durante questo lasso di tempo, solo per i soggetti con passaporto britannico sono state registrate 34'337 dichiarazioni al fisco inglese, per patrimoni pari a 10,4 miliardi di sterline (15,8 miliardi di franchi). Per quanto riguarda gli Austriaci, gli annunci al fisco di Vienna sono stati 21'377, per averi non dichiarati pari a 5,9 miliardi di euro (7,12 miliardi di franchi).

D'ora in poi, la Confederazione verserà ad Austria e Gran Bretagna solo il prodotto dell'imposta alla fonte prelevata sui conti in Svizzera di contribuenti originari di questi Paesi. I primi pagamenti sono stati eseguiti in aprile: oltre Manica sono andati 58,2 milioni di sterline (85,7 milioni di franchi) e verso l'Austria 25,8 milioni di euro (31,4 milioni di franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS