Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un gruppo di sindacalisti di McDonald's nell'area di Parigi hanno sporto denuncia contro l'azienda per frode fiscale e abuso di beni sociali, accusandola di 'far sparire' i profitti realizzati in Francia con un complesso sistema per non pagare le tasse.

Secondo la ricostruzione dei sindacalisti, la filiale francese della grande catena di fast food riesce ad azzerare i propri profitti, e quindi a non pagare né imposte né bonus ai dipendenti, grazie a un "gioco di scritture contabili": ogni ristorante paga un forte affitto ed elevati canoni di utilizzo del marchio e dei suoi prodotti alla filiale lussemburghese di McDonald's, e così i suoi utili si annullano, passando a una società in un regime fiscale più vantaggioso. In questo modo all'erario francese sarebbero sottratti circa 75 milioni di euro l'anno.

A sostenere il caso in tribunale è la ex magistrate ed ex candidata presidenziale dei Verdi Eva Joly, oggi tornata alla professione di avvocato. "Il ministero delle Finanze ha avviato un'indagine, che è in corso e di cui non si conoscono i risultati - spiega alla radio France Info - Questi fatti meritano un'inchiesta penale, affinché l'opinione pubblica possa sapere come i profitti scappano dalla Francia".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS