Navigation

Fisco: per Wanner distinzione evasione e frode non ha futuro

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2010 - 17:46
(Keystone-ATS)

BERNA - Chi sottrae soldi al fisco commette reato: a dirlo è Christian Wanner, presidente della Conferenza dei direttori cantonali delle finanze. A suo avviso, il distinguo tra evasione e frode fiscale è sulla via del tramonto, anche per gli svizzeri.
"Non è possibile che le autorità estere possano intervenire contro gli evasori fiscali originari del proprio paese, mentre in Svizzera dobbiamo stare a guardare", dichiara Wanner all'ATS, dopo che ieri si era espresso in tal senso anche su alcuni domenicali. Il consigliere di Stato solettese (PLR) trova particolarmente assurdo che una persone facoltosa, "dimenticatasi" di dichiarare un milione, non possa essere punita, mentre ciò avviene per chi modifica il proprio certificato di salario di 500 franchi.
L'incomprensione di Wanner sembra condivisa anche dalla maggioranza dei cittadini elvetici, stando a un sondaggio pubblicato ieri da "Le Matin Dimanche" e dalla "SonntagsZeitung". Il 55% dei 600 romandi e svizzerotedeschi interpellati sarebbe infatti d'accordo di abolire la distinzione tra frode ed evasione fiscale anche per gli svizzeri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.