Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Camera italiana ha detto sì alla ratifica del protocollo che modifica la convenzione con la Svizzera sullo scambio delle informazioni fiscali. Il disegno di legge di ratifica va ora all'esame del Senato.

Con la convenzione sarà più immediato per le Agenzie della Penisola accedere alle informazioni bancarie della Svizzera, che accoglie circa il 70% dei depositi italiani nei paradisi fiscali, è stato fatto notare a Roma.

"Ratificando oggi tale accordo, abbiamo fatto un passo decisivo per rendere più efficace il contrasto ai meccanismi di elusione ed evasione fiscale", ha affermato il capogruppo del Partito democratico alla Camera Ettore Rosato.

"Sarà infatti più immediato per le nostre Agenzie - ha aggiunto Rosato - accedere alle informazioni bancarie della Svizzera, che accoglie circa il 70% dei depositi italiani nei paradisi fiscali, mentre con la voluntary disclosure stiamo facendo rientrare, pagando le tasse, i capitali illegalmente fatti uscire. Un beneficio reale per le casse dello stato e un chiaro cambiamento di rotta per combattere l'evasione fiscale, quindi una risposta vera per tutti i contribuenti onesti del nostro Paese".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS