Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ATENE - Visto lo stato deplorevole delle casse statali, il fisco greco non intende più fare sconti a nessuno. È di oggi la notizia che le autorità intendono sequestrare, per poi vendere all'asta, le ville sulle Mar Egeo di quei contribuenti in ritardo col pagamento delle tasse.
Il ministero delle finanze ha costatato che ben 990 contribuenti devono oltre 6,7 milioni di euro al fisco benché globalmente possano vantare 2.917 proprietà dal valore superiore ai 288 milioni di euro (383 milioni di franchi) sparpagliate sulle isole turistiche di Mykonos e Santorini.
Queste persone hanno tempo fino al 20 di luglio per mettersi in regola con le imposte. Scaduto questo termine verrà avviata una procedura d'urgenza, fino alla vendita all'asta delle proprietà, indica una nota odierna del ministero.
La lotta all'evasione fiscale, fenomeno assai diffuso in Grecia, è uno dei fattori che dovrebbero far accettare più facilmente ai cittadini ellenici le dure misure d'austerità decise dal governo di Atene.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS