Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Ufficio delle perizie extragiudiziali (UPE) della Federazione dei medici svizzeri (FMH) l'anno scorso ha riscontrato errori evidenti di terapia o diagnosi in 17 dei 54 casi esaminati.

Si tratta di un tasso di errore del 31,5%, una quota nettamente inferiore alla media del 42,7% sugli ultimi dieci anni, si sottolinea nel bollettino odierno dell'FMH.

La chirurgia ortopedica è il settore più chiamato in causa dalle contestazioni, con 20 perizie. Sono state appurate 8 diagnosi o interventi sbagliati.

In ginecologia e ostetricia sono state richieste 6 perizie, che hanno rilevato due casi di errori. Stesso numero di sbagli anche in medicina interna generale (compresi i medici di famiglia) e anestesiologia. Uno solo nelle specialità di chirurgia pediatrica, neurochirurgia e neurologia.

Dalla creazione degli uffici di consulenza extragiudiziale dell'FMH, nel 1982 a Berna e Losanna, il maggior numero di errori sono stati censiti in chirurgia (300), chirurgia ortopedica (278) e ginecologia e ostetricia (180).

L'FMH avverte che le cifre non sono rappresentative a livello svizzero. In particolare non si può dedurne il reale tasso di errori nelle varie discipline mediche. I numeri riflettono solo l'attività degli uffici extragiudiziali della Federazione, che non hanno il monopolio in materia. Per molte questioni litigiose vengono effettuate perizie private.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS