Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS), su mandato del Consiglio federale, ha lanciato due nuovi programmi per studiare gli aspetti tecnici e socioeconomici della svolta energetica. Il finanziamento di entrambi i progetti ammonta a 45 milioni di franchi.

La realizzazione della strategia energetica 2050 e i prossimi obiettivi di politica climatica pongono grandi sfide al sistema energetico svizzero, hanno spiegato oggi ai media a Berna i responsabili del FNS.

Il programma "Svolta energetica" analizzerà i potenziali tecnologici della realizzazione della strategia energetica 2050. Al centro non vi sono singole tecnologie, ma punti tematici rilevanti e integrabili nella catena di creazione di valore.

Il secondo progetto "Possibilità di influire sul consumo di energia finale" è focalizzato su questioni socioeconomiche. L'obiettivo è quello di sviluppare misure di pilotaggio che permettano di avere potenziali di risparmio energetico presso le economie domestiche, le imprese e i servizi pubblici, specialmente i trasporti.

Il primo progetto costa 37 milioni di franchi, mentre il secondo ha un budget di 8 milioni. La durata di entrambi i programmi di ricerca è di circa quattro anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS