Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fondo scienziati anti-cancro investe in tabacco, è polemica (foto d'archivio).

KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER

(sda-ats)

Un fondo alimentato dai contributi previdenziali anche di ricercatori dell'istituzione simbolo nella lotta ai tumori nel Paese ha incanalato risorse nelle azioni della British American Tobacco (Bat), secondo produttore mondiale di sigarette.

Lo ha rivelato il Guardian, scatenando un'accesa polemica in Gran Bretagna.

Secondo il giornale, fino al 2015 il fondo pensionistico denominato Universities Superannuation Scheme (Uss) ha collocato 211 milioni di sterline (circa 302 milioni di franchi) nella Bat, quinta holding per quota d'investimenti. Investimenti fruttuosi, se è vero che lo Uss ha fatto segnare l'anno scorso un attivo da 49 miliardi di sterline. E tuttavia "un oltraggio" per il lavoro degli scienziati, commenta una ricercatrice al giornale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS