Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fino a sei consiglieri federali parteciperanno quest'anno al Forum economico mondiale (WEF) di Davos, in programma dal 23 al 27 gennaio. È quanto ha appreso l'ats interpellando la Cancelleria federale e i sette dipartimenti.

Solo la ministra di Giustizia e Polizia Simonetta Sommaruga ha sinora definitivamente rinunciato alla trasferta grigionese. Non ancora definitiva, anche se probabile, è d'altro canto la presenza della collega alle Finanze Eveline Widmer-Schlumpf e del capo del Dipartimento dell'interno Alain Berset: il viaggio dipenderà da quali interlocutori potranno incontrare per colloqui bilaterali. La lista degli ospiti sarà pubblicata dagli organizzatori del WEF il 16 gennaio a Cologny (GE).

Per tradizione spetta al presidente della Confederazione aprire il Forum portando i saluti del governo elvetico. Quest'anno tocca dunque a Ueli Maurer, che ha fatto sapere di voler limitare allo stretto necessario le sue visite all'estero ma che a Davos ci sarà per dare il benvenuto ai VIP della politica, dell'economia e della scienza di tutto il pianeta. Gli scorsi anni il ministro UDC della difesa si era limitato a visitare le truppe che con la polizia garantiscono la sicurezza del Forum.

Certa è anche la presenza del ministro degli Esteri Didier Burkhalter e del collega all'Economia Johann Schneider-Ammann, invitato a un incontro informale - definito "mini-WTO" - tra ministri del commercio sulla liberalizzazione degli scambi a livello mondiale.

La ministra dei trasporti, dell'energia e dell'ambiente Doris Leuthard prevede dal canto suo di partecipare a un "Energy Summit" che vedrà riuniti imprenditori del settore energetico e rappresentanti di organizzazioni ambientaliste.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS