Tutte le notizie in breve

L'officina distrutta ieri dall'esplosione.

(sda-ats)

Sono due e non tre come indicato in un primo tempo le persone ferite ieri nell'esplosione in un laboratorio di macchine agricole a Lugnorre (FR), sulle rive del lago di Morat. L'incidente è avvenuto verso le 16.50. Lo ha comunicato stamane la polizia cantonale.

Gli agenti hanno trovato due persone gravemente ferite all'interno del locale: si tratta di due giovani di 16 e 22 anni. Entrambi sono stati trasportati in elicottero dalla Rega, il primo all'ospedale universitario di Zurigo e il secondo al CHUV di Losanna.

Dai primi accertamenti pare che i due giovani - uno dei quali è figlio del proprietario dell'officina - stessero lavorando a un piccolo armadio metallico incassato nel muro quando si è verificata l'esplosione che ha distrutto l'intero laboratorio.

Per precauzione la polizia friburghese ha evacuato tre abitazioni vicine. Ha chiesto anche l'intervento di quattro artificieri del canton Vaud incaricati di controllare il locale e neutralizzare sostanze pericolose.

Il centro del villaggio è rimasto sbarrato al traffico fino a poco dopo la mezzanotte. I nove abitanti allontanati dalle case potranno rientrare a domicilio nel corso della giornata di oggi.

In totale un centinaio di persone sono intervenute sul posto: diverse pattuglie di polizia, una cinquantina di pompieri del comune di Mont-Vully e di Morat, tre ambulanze, gli artificieri e una cellula di sostegno psicologico.

Inizialmente la polizia aveva riferito di una terza persona rimasta coinvolta nell'esplosione, ma in seguito è emerso che il leggero ferimento dell'uomo, che si trovava nei pressi dell'officina, non era collegato al sinistro. Lo ha precisato stamane all'ats Bernard Vonlanthen, portavoce della polizia friburghese.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve