Navigation

FR: francese ucciso da poliziotto dopo inseguimento, ricorso al TF

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2011 - 17:27
(Keystone-ATS)

Il poliziotto vodese che il 20 aprile 2010 ha ucciso un giovane di Lione in fuga sulla A1 non sarà processato. Ritenendo che l'agente abbia rispettato le direttive e agito per difendersi, il Tribunale cantonale friburghese ha deciso di archiviare il caso. Un ricorso è annunciato presso il Tribunale federale.

A sporgerlo sarà l'avvocato del gemello della vittima, che si trovava con il fratello al momento dell'inseguimento. Autori di un furto di automobili di lusso a Lyss (BE), i giovani erano stati inseguiti sulla A1 dalle polizie friburghesi e vodesi, prima di essere bloccati dalle forze dell'ordine in una galleria vicino a Sévaz (FR).

Sentendosi minacciato, uno degli agenti vodesi aveva aperto il fuoco sparando sette colpi, di cui il primo aveva ferito uno dei fuggiaschi, tutti provenienti dalla periferia di Lione. Il 18enne era deceduto sul posto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?