Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Condannato a Parigi per "apologia del terrorismo" il comico Dieudonné. In un post su Facebook, mentre milioni di persone scendevano in piazza per rendere omaggio alle vittime degli attentati iniziati con la strage a Charlie Hebdo, aveva detto di sentirsi "Charlie Coulibaly", uno degli attentatori, parafrasando lo slogan "Je suis Charlie".

La procura, che aveva chiesto una multa di trentamila euro commutabile in giorni di prigione, voleva che si considerasse il carattere particolarmente controverso della dichiarazione, il contesto in cui è stata pronunciata e la personalità dell'autore, già condannato più volte per le sue provocazioni di connotazione antisemita.

Lo stesso tribunale è chiamato ad esprimersi domani sulle accuse di incitamento all'odio verso gli ebrei dopo le parole di Dieudonné contro il giornalista di France Inter Patrick Cohen.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS