Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

François Molins

KEYSTONE/AP/CHRISTOPHE ENA

(sda-ats)

È stata "sventata un'azione violenta imminente" il cui obiettivo e luogo non sono stati precisati. Lo ha confermato, in una conferenza stampa, il procuratore della Repubblica François Molins precisando che sono state fermate due persone oggi a Marsiglia.

Uno dei due terroristi arrestati, Mahiedine M., stava "cercando di entrare in contatto con l'Isis per trasmettere "un video con un giuramento o una rivendicazione", ha detto Molins.

In un appartamento di Marsiglia sono stati trovati fra l'altro, insieme ad armi ed esplosivi, "una bandiera nera dell'Isis", un Corano, foto "di bambini sotto i bombardamenti" e versetti "inneggianti alla vendetta". Secondo Molins, le due persone arrestate hanno "legami con reti in Belgio".

Clément B., l'altro terrorista arrestato oggi, si sarebbe "radicalizzato nel 2007", secondo quanto riferito da Molins, e sarebbe stato successivamente "in contatto con esponenti della comunità cecena di Nizza".

Nel marzo 2015, i suoi familiari ne avevano segnalato la scomparsa. Si sarebbe "radicalizzato" dopo aver conosciuto Mahiedine M..

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS