Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il sito internet di Carla Bruni sarebbe costato circa 410'000 euro allo stato francese tra il 2011 e il 2012, anni in cui la cantante era ancora première dame. Lo rende noto politique.net, ripreso da altri media francesi, precisando che il sito in questione - il cui indirizzo è carlabrunisarkozy.org - è ancora attivo.

"Carla Bruni ha fatto un buon affare - si legge - visto che il sito è ancora online ed è aggiornato (ma ora - è precisato - a sue spese)". La grossa cifra di 410'000 euro emerge di fatto dal rapporto dettagliato sui conti di gestione della presidenza della repubblica pubblicato dalla Corte dei Conti a metà luglio.

La Corte dei Conti vi sottolinea appunto l'enorme risparmio sulle spese di internet realizzato dalla presidenza di Hollande. Fino ad ora il dato era passato inosservato. Il sito della Fondazione della Bruni, la cui creazione e gestione è stata finanziata dallo Stato ed è online dal 2009, può essere ancora consultato ed è regolarmente aggiornato.

Sono "cifre che lasciano senza parole", scrive ancora politique.net, facendo notare che da quando François Hollande è all'Eliseo, Valérie Trierweiler, compagna del presidente, non ha più un suo sito personale a spese del contribuente, pur conservando una rubrica nel sito della presidenza. Il budget dell'Eliseo per il web è stato tagliato con l'arrivo di Hollande: tra il 15 maggio 2012 e fine 2012 le spese totali per internet ammontano a 180 mila euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS