Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nonostante non avesse dato consegne di voto ai suoi simpatizzanti il leader della sinistra radicale Jean-Luc Mélenchon si è recato oggi alle urne

KEYSTONE/AP/KAMIL ZIHNIOGLU

(sda-ats)

L'affluenza alle urne al ballottaggio a mezzogiorno è in lieve ribasso rispetto al primo turno: 28,23% rispetto al 28,54%.

In ribasso di due punti, invece, rispetto al 2012, quando a votare a mezzogiorno al ballottaggio era stato il 30,66% degli aventi diritto.

Non c'è stato il temuto "crollo" dell'affluenza, anche se il dato di mezzogiorno - sostanzialmente stabile rispetto al primo turno - è inferiore alle precedenti elezioni (con l'eccezione del 2002).

Secondo il ministero dell'Interno, infatti, nel 2012 (Sarkozy-Hollande) a mezzogiorno votò il 30,66% degli elettori, nel 2007 (Sarkozy-Royal) il 34,11% e nel 2002 il 26,19%.

Per la prima volta, però, il secondo turno vede un'affluenza inferiore - anche se di pochissimo - rispetto al primo.

Bassissima l'affluenza 19,54% (in ribasso di 10 punti rispetto al primo punto) nella Seine-Saint-Denis, regione di sinistra dove aveva vinto ampiamente - 15 giorni fa - la sinistra radicale di Jean-Luc Mélenchon. Mélenchon non ha dato consegne di voto ai suoi elettori, soltanto metà dei quali - stando ai sondaggi - andrebbero a votare per Macron.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS