Tutte le notizie in breve

La polizia porta via il cadavere dell'attentatore dai Champs-Elysées.

KEYSTONE/AP/MATTHIEU ALEXANDRE

(sda-ats)

L'uomo che ieri si è deliberatamente schiantato contro un furgone della Gendarmeria sugli Champs-Elysées aveva "9000 munizioni" a bordo della sua auto Renault Megane: è quanto rivela France Info.

In casa sua, è stato inoltre trovato un vero e proprio arsenale tra cui barili di polveri.

Secondo l'inchiesta, l'uomo è morto a causa dell'incendio nell'abitacolo della sua Renault Megane, forse, per l'esplosione di parte delle 9000 munizioni che aveva caricato a bordo insieme ad almeno una bombola di gas, un kalasshnikov e due pistole. In casa sua, inoltre, è stato trovato un vero e proprio arsenale.

Secondo France 2, in passato l'uomo aveva viaggiato tra la Francia e la Turchia per la sua attività di commercio in oro. Secondo L''Express, ha anche esercitato come artigiano a Plessis-Paté, nell'hinterland parigino dell'Essonne, dove è stato perquisito il domicilio dei familiari fermati oggi. I vicini descrivono una famiglia "molto religiosa".

Schedato con la lettera 'S' degli individui radicalizzati a rischio, l'assalitore degli Champs-Elysées era anche titolare di un porto d'armi, regolarmente rinnovato lo scorso febbraio. Pare che i servizi di intelligence dovessero convocarlo prossimamente.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve