Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Contro la decisione della SACEM, la società che gestisce i diritti d'autore in Francia, di aumentare il canone sulla musica nei saloni di parrucchieri, i coiffeur dell'Alsazia hanno spento oggi la musica nei loro locali e - per quelli più sofisticati - anche sotto il casco asciugacapelli delle loro clienti.
Stando a Bernard Stalter, presidente dell'Unione regionale parrucchieri, una gran parte dei 1500 coiffeurs d'Alsazia ha zittito oggi gli altoparlanti per protesta nei confronti degli "straordinari aumenti" che ha in mente di imporre la SACEM.
I saloni di coiffeur pagano fra 24 e 35 euro di canone per la musica diffusa nei loro locali per allietare le clienti. L'anno prossimo, il canone potrebbe arrivare a 90 euro per un salone con due dipendenti, ma per quelli più grandi si prevede un aggravio di 47 euro per dipendente.
Secondo il rappresentante dei parrucchieri alsaziani, la protesta del silenzio nei saloni per signora si allargherà a macchia d'olio a tutto il territorio nazionale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS