Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Operazione lampo della polizia nel quartier generale dell'Ump, il partito del presidente francese Nicolas Sarkozy, a Parigi, nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte tangenti dell'ereditiera L'Oréal, Liliane Bettencourt, ai politici.
L'informazione, confermata da Xavier Bertrand, segretario generale del partito, è stata diffusa dalla rivista Paris Match. Si tratta della prima volta che la sede del partito del presidente viene perquisita.
La perquisizione, che è durata un'ora e mezza circa, aveva come obiettivo quello di trovare la "corrispondenza" tra il ministro del Lavoro, Eric Woerth, e Patrice de Maistre, il gestore del patrimonio di Liliane Bettencourt.
Nello scandalo che dall'inizio dell'estate scuote la Francia Woerth, che all'epoca dei fatti era responsabile del Bilancio, nonchè tesoriere dell'Ump, è sospettato di aver intascato delle bustarelle dalla famiglia Bettencourt per finanziare la campagna presidenziale che ha portato Sarkozy all'Eliseo.
Il ministro è anche sospettato di aver approfittato del suo potere per raccomandare l'assunzione della moglie nella società che gestisce gli investimenti dell'anziana miliardaria, guidata da De Maistre. In cambio, avrebbe 'copertò l'evasione fiscale della donna. Nonostante le ricerche degli agenti,"non è stato portato via nulla", ha riferito il direttore generale dell'Ump, Eric Cesari, rifiutando il termine di "perquisizione" perchè, spiega, erano stati avvisati "in anticipo" della visita della polizia.
"È stata una richiesta dei servizi segreti. Volevano verificare dei documenti", ha aggiunto Cesari. Per un'ora e mezza, dunque, i poliziotti hanno consultato "tutti gli archivi" e "non hanno preso niente", ha poi precisato. Secondo il sito parismatch.com, gli inquirenti hanno controllato in particolare gli archivi del primo trimestre del 2007, dove doveva trovarsi una lettera del 12 marzo, indirizzata da Woerth al presidente Nicolas Sarkozy.
In quella lettera, la cui esistenza è stata confermata la scorsa settimana dallo stesso ministro del Lavoro, Woerth, interveniva a favore di de Maistre per fargli ottenere la Legion d'Onore. Già nelle scorse settimane, gli inquirenti si erano fatti inviare il dossier di proposta della decorazione, nel quadro delle indagini su un possibile conflitto d'interessi tra Woerth e l'assunzione di sua moglie Florence nella società di gestione guidata da De Maistre. De Maistre aveva ricevuto la decorazione a gennaio del 2008, proprio dalle mani del ministro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS