Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In un'audizione a porte chiuse all'Assemblea nazionale francese, lo scorso 24 maggio, Patrick Calvar, direttore generale della DGSI, i servizi francesi per la sicurezza interna, si è detto "persuaso" che l'Isis "passerà alla fase delle autobomba" in Francia.

Lo rivela oggi il quotidiano Le Figaro. L'ennesima cupa previsione - dopo quelle ripetute del primo ministro Manuel Valls e dai vertici del ministero dell'Interno fra i quali il ministro Bernard Cazeneuve - prevede anche "ordigni esplosivi". Il tutto per "aumentare la potenza", "così come successe nel 1986 e nel 1995: si tratta di strategie classiche", secondo Calvar.

"Finiranno per lanciare dei commando - ha proseguito il capo degli 007 - la cui missione consisterà nell'organizzare campagne terroristiche senza necessariamente andare all'assalto con lo scopo di fare strage. Per fare questo, servono artificieri e l'organizzazione di una logistica, l'installazione sul nostro territorio, l'acquisizione di tutti i prodotti. Possono, invece, fabbricare bombe in modo artigianale, comprando nitrato di ammonio per esempio".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS