Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Paillettes, sesso e potere: così il regista francese Thomas Cazals sintetizza il suo filmato sulla premiere dame di Francia, Carla Bruni, realizzato con video - talvolta anche scandalosi - trovati su internet. In 27 minuti, 'In the tube with Carla' - questo il titolo del documentario già disponibile online - ripercorre le fasi più salienti della vita della Bruni, da giovane top-model 'libertina' e strapagata fino al suo arrivo all'Eliseo come moglie del presidente Nicolas Sarkozy.
"Tutto è nato con l'idea di conoscere un po' meglio questo personaggio", spiega il regista del filmato, che ormai impazza sui siti web di Francia.
Ci sono le feste con le altre top model, come Naomi Campbell, dove al tavolo della Bruni spunta anche un pene gigante gonfiabile, o ancora il suo intervento 'hot' come ospite della trasmissione 'Eurotrash' presentata dallo stilista Jean-Paul Gaultier e Antoine de Caunes, dove la ex modella, allora ventinovenne, tira fuori dalla sua borsetta 'La guida internazionale dell'amore e del sesso", una sorta di dizionario con la traduzione in sette lingue delle espressioni più 'piccanti'.
"E' utile avere questo tipo di libri quando si viaggia molto, in diverse parti del mondo, e si incontrano ogni giorno nuove persone: dobbiamo sempre sapere cosa dire in caso si finisca a letto con qualcuno...", dice la Bruni lasciando intendere di portarlo sempre in borsetta.
Quando Gaultier le chiede un esempio delle traduzioni 'hot' contenute nel libretto, Carlà pronuncia senza alcuna inibizione parole che ancora oggi desterebbero scandalo: "Se ti attraggo molto - dice Carlà rivolgendosi a Gaultier - devi dirmi (in italiano,ndr) 'mi ecciti tanto (...)'' "Ma - continua - si possono dire tante altre cose: come ad esempio mettimi un dito nel ...". Un'espressione che l'attuale Premiere Dame di Francia provvede a pronunciare in ben tre lingue: inglese, tedesco e infine italiano.
In un'altra intervista, ripresa nel documentario, l'ex-top model afferma inoltre di "non essere attratta dalle persone deboli". E aggiunge: "Non dico che non potrei mai frequentare un povero. Solo che non è facile per un uomo frequentare una ragazza indipendente e ricca come me".
"Con un personaggio come Carla Bruni si è continuamente immersi in un universo di fantasia, di immagini e di informazioni, vere o false, poco importa - osserva da parte sua il regista Cazals - Tutto ciò che lei dice o fa, appartiene al mondo della fiction: Carlà fa sognare".

SDA-ATS