Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha deciso la sospensione della sentenza del Consiglio di Stato francese che autorizza l'interruzione delle cure per il tetraplegico Vincent Lambert, per esaminare il ricorso presentato dalla famiglia. La Corte pone inoltre il divieto di spostare l'uomo dall'ospedale in cui è ricoverato.

Secondo "Le Figaro", il divieto di trasferire Lambert dall'ospedale di Reims risponde al timore dei genitori che la moglie del paziente, favorevole allo stop alle cure, decida il suo trasferimento nel vicino Belgio, dove l'eutanasia è legale.

Dopo due anni di battaglie giudiziarie e una famiglia ridotta in frantumi, ieri i giudici del Consiglio di Stato, la più alta istanza amministrativa francese, avevano deciso che ostinarsi ad alimentare Vincent artificialmente è contrario alla legge e alla volontà dell'uomo. Staccare la spina in questo caso sarà legale.

L'ex infermiere di 39 anni è tetraplegico e si trova in stato vegetativo da sei anni, dopo essere rimasto vittima di un incidente in moto.

SDA-ATS