Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il co-pilota di Germanwings che nel marzo scorso fece schiantare il volo Barcellona-Dusseldorf uccidendo 149 persone, nei mesi prima del disastro era insonne e preoccupato di avere problemi alla vista.

Uno dei medici a cui si era rivolto gli aveva diagnosticato una "psicosi incombente". È quanto rivelano i primi elementi dell'inchiesta, basati su rapporti medici ed e-mail scambiate con uno psichiatra, citati dai media francesi.

In un colloquio con uno psichiatra dice di sentirsi "a disagio e incompreso", chiede "con urgenza qualcosa che mi aiuti a dormire", e spiega che "se non avessi questa cosa agli occhi andrebbe tutto bene". Il suo stato mentale instabile porta ben due dottori a stilargli certificati di sospensione dal lavoro, uno dei quali copriva anche il giorno dello schianto, ma lui li straccia e non li consegna mai alla compagnia aerea.

L'ultimo incontro con lo psichiatra però sembra mostrare miglioramenti: Lubitz sembra più sereno, i rapporti con la famiglia e la fidanzata sono buoni. Niente lascia presagire la tragedia che arriverà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS