Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un militante islamico radicale tunisino sospettato di voler colpire due giornalisti è stato arrestato ed espulso dalla Francia. Lo riferisce il ministero dell'Interno in una nota.

L'uomo, che vive a Gentilly, nella periferia di Parigi, è "vicino al movimento islamista radicale", è spiegato nella nota, e c'è il suo "coinvolgimento in diversi progetti tra cui l'azione violenta nei confronti di due giornalisti". Le autorità francesi affermano inoltre che il tunisino viveva in Francia "senza documenti" e "ha anche ripetutamente espresso la volontà di andare in Siria per partecipare alla jihad, combattendo con il gruppo Jabhat Nursa, che ha recentemente giurato fedeltà ad Al-Qaeda".

"Alla luce dei fatti, questa persona era una vera minaccia per la sicurezza dello Stato e per la sicurezza pubblica", ha precisato il ministro dell'Interno, Manuel Valls, motivando la misura di espulsione, "pronunciata con decreto ministeriale e in una procedura di emergenza assoluta".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS