Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rivolta sociale nella Guyana francese, territorio d'oltremare agitato dal malcontento per la crisi economica e la disoccupazione alla vigilia delle elezioni presidenziali in Francia.

In corso da diversi giorni, la protesta diventa da oggi più dura, mentre una delegazione del governo è stata respinta dai rappresentanti dei sindacati e delle autorità locali, che pretendono la presenza di un ministro.

Air France e Air Caraibes hanno annullato i voli ieri e oggi verso Cayenne, blocchi stradali - almeno 15 - impediscono il normale corso della vita economica. In molti casi i negozi e i magazzini sono stati presi d'assalto dai clienti nel timore di penuria di alimenti nei prossimi giorni.

I sindacati in agitazione - una quarantina - hanno votato lo "sciopero generale" illimitato. Tutti si sono riuniti sotto la bandiera di un "collettivo per il decollo della Guyana", che chiede una specie di "piano Marshall" per il rilancio dell'organizzazione sanitaria, dell'economia, della fornitura di energia, contro la disoccupazione e la descolarizzazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS