Navigation

Francia: Macron, certo che andrò a Rouen

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che si recherà a Rouen KEYSTONE/EPA POOL/PATRICK SEEGER / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2019 - 17:11
(Keystone-ATS)

"Certo che andrò a Rouen": a margine del Salone degli allevatori di Cournon, il presidente francese, Emmmanuel Macron, risponde così a chi ha criticato in questi ultimi giorni il suo mancato sopralluogo nella cittadina del nord-ovest della Francia.

A oltre una settimana dall'incendio nello stabilimento chimico Lubrizol che ha sprigionato una nuvola tossica nella zona, Macron garantisce di aver seguito "con molta attenzione ciò che accadeva" a Rouen e ha ribadito la sua "solidarietà" agli abitanti.

Se non si è ancora recato sul posto, ha spiegato, è perché "consideravo che la mia presenza non fosse la più utile" nei giorni successivi al dramma. Dal giorno dell'incendio, nella notte tra il 25 e il 26 settembre, a Rouen sono arrivati il premier Edouard Philippe ed altri tre ministri.

In queste ultime ore era inoltre circolata sui social una clamorosa bufala attribuita alla portavoce del governo, Sibeth Ndiaye. "Se il presidente Macron non è ancora andato a Rouen - recitava la 'fake news' diffusa sul web - è perché aspettiamo i risultati completi delle analisi (sul rischio di tossicità dei prodotti chimici andati in fumo, ndr), la sicurezza del presidente va garantita". Un'uscita che ha suscitato sconcerto e indignazione sulla rete, ma che in realtà inventata di tutto punto da qualche burlone del web.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.