Navigation

Francia: Macron, lotta senza tregua al terrorismo islamico

Emmanuel Macron in piedi davanti alle bare degli agenti uccisi (3 ottobre). KEYSTONE/EPA/IAN LANGSDON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 ottobre 2019 - 12:56
(Keystone-ATS)

"Contro il terrorismo islamico condurremmo una lotta senza tregua": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, nel discorso in omaggio ai quattro poliziotti uccisi giovedì scorso nell'attacco alla questura di Parigi.

Esprimendosi nel cortile della Préfecture de Paris, Macron ha invitato l'insieme della società francese, istituzioni ma anche cittadini, a contribuire a questa lotta, costruendo una "società della vigilanza, non del sospetto che corrode, ma della vigilanza".

Per il presidente, questo significa anche saper "intercettare" ed eventualmente segnalare "quei piccoli gesti" che possono "condurre a grandi tragedie", quelli di chi si allontana "dai valori e dalle leggi della République".

Come quando nel 2015 il killer radicalizzato della questura di Parigi, Mickael Harpon, legittimò gli attentati contro la sede di Charlie Hebdo, una dichiarazione che avrebbe dovuto allarmare i colleghi. "Facciamo quadrato, senza tregua, contro l'islamismo radicale, queste ideologie mortifere che non riconoscono le nostre leggi, il nostro diritto, il nostro stile i vita", ha proseguito Macron, invocando un "risveglio ragionevole delle coscienze".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.