Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È una vicenda senza precedenti. Il procuratore della Repubblica di Draguignan, nel sud della Francia, ha richiesto la demolizione della nuovissima Moschea di Fréjus, comune guidato dal sindaco lepenista David Rechline, i cui lavori si sono chiusi la primavera scorsa.

All'origine del ricorso c'è il vicino comune di Saint-Raphaël che si è rivolto alla giustizia per denunciare il "carattere illegale" del permesso di costruzione ottenuto dall'associazione Al Fath che ha edificato la Moschea. In particolare, l'associazione è accusata di aver avviato i lavori quando non era ancora proprietaria dell'integralità dei terreni.

Il magistrato si è quindi espresso per la demolizione "pura e semplice" del luogo di culto. Oltre che una multa di 60'000 euro per l'associazione Al Fath e 30'000 euro per il presidente Driss Maaroufi.

Da mesi, contro l'apertura della Moschea di Fréjus, si scaglia anche il sindaco David Rachline (Front National).

Tra l'altro, il comune si è costituito parte civile nel processo. "Demolire una moschea è una richiesta senza precedenti", denuncia Moad Nefati, legale dell'associazione El Fath. "Simili richieste non si sono viste neanche nella Spagna e l'Andalusia del XV secolo", ha aggiunto, prima di lanciare un duro avvertimento al tribunale: "Siamo davanti a un dossier di libertà fondamentali, un grave oltraggio alla libertà di culto che la giustizia ha il dovere di proteggere".

Sentenza il 26 febbraio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS