Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Francia: morto Eros Kara, da illustratore a maestro dell'acquerello

È morto nella sua casa di Parigi, nel quartiere di Montparnasse, dove viveva da molto tempo, il pittore Eros Kara. Lascia la moglie e un figlio. Acquarellista di fama internazionale, aveva 82 anni.

Dotato di un sorprendente talento, l'artista nato a Nuoro nel 1929 si è dedicato con successo alla pittura, alla grafica pubblicitaria e alla fumettistica. Dopo aver vissuto a lungo a Roma, Milano e a Parma, Kara si era stabilito a Parigi dove la critica lo aveva definito "il maestro italiano dell'acquarello".

Nel corso della sua lunga carriera era stato illustratore per "Grand Hotel" e aveva realizzato storie a fumetti per la casa editrice Universo, che pubblicava le riviste "Il Monello", "L'Intrepido" e "Gli albi dell'intrepido". Per la casa editrice Astorina, era stato inchiostratore di albi di "Diabolik" delle sorelle Giussani.

Negli anni Cinquanta Kara si trasferì a Roma, dove lavorò per Cinecittà, realizzando manifesti cinematografici per grandi case di produzione, come la 20th Century Fox, Republic Picture e Universal International. Suoi, tra gli altri, i poster dei film "La romana" e "Sinhue l'egiziano".

Nel 1965 Kara aprì un'agenzia di grafica (Studio Caravella, che divenne Studio 25 l'anno dopo) e collaborò con autori come Gaeta, Biffignandi, De Gaspari, Uggeri. Lavorò con Rinaldo Dami all'illustrazione dell'enciclopedia "Guarda e scopri gli animali" (Amz) e per le Edizioni Cervinia disegnò numerosi fumetti.

Nel 1972 con una propria sigla editoriale (Blu) creò le strisce Kirk Killer e Andromeda e anche la prima rivista italiana sulla tecnica del fumetto, dal titolo "L'Abc del fumetto". Alla fine degli anni Settanta, decide di lasciare il fumetto per dedicarsi soltanto alla pittura.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.