Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Continuano le proteste per la riforma del lavoro in Francia, creando diversi disagi (foto d'archivio).

KEYSTONE/EPA/GUILLAUME HORCAJUELO

(sda-ats)

Circa 125.000 abitazioni sono rimaste senza corrente elettrica questa mattina in Loire-Atlantique dopo un'azione dei manifestanti francesi contro la riforma del lavoro.

Nella regione di Saint-Nazaire, Donges, Guérande, l'elettricità è saltata poco prima delle undici, un black-out durato per circa un'ora e mezzo.

Secondo RTE, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, l'interruzione della fornitura elettrica è dovuta all'occupazione, intorno alle 10:50, da parte di un gruppo di scioperanti, della centrale elettrica di Saint-Malo-de-Guersac, che alimenta l'intero dipartimento della Loire-Atlantique.

I manifestanti hanno abbandonato il luogo verso mezzogiorno. "Alle 12:34 la corrente è stata ripristinata nell'insieme della zona" precisa RTE.

Ripercussioni su traffico treni

Inoltre, tutti i treni in partenza e in arrivo alla Gare de Lyon, una delle principali stazioni ferroviarie di Parigi, sono bloccati da circa 200 scioperanti dei sindacati CGT e SUD che paralizzano il traffico.

I manifestanti, riferisce un giornalista del Parisien, hanno invaso le cabine di controllo e gli stessi binari. Altri hanno preso possesso dei microfoni e diffondono brani musicali attraverso gli altoparlanti della stazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS