Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Francia: sbloccati tutti i depositi carburante (foto simbolica)

Keystone/EPA/IAN LANGSDON

(sda-ats)

Tutti i depositi di carburante bloccati in Francia dagli oppositori alla riforma del Lavoro sono stati riaperti, tranne uno che è in sciopero. Lo ha annunciato il ministero dei Trasporti.

La penuria di carburante alle pompe di benzina, che coinvolge ormai anche oltre il 20% dei distributori di Parigi, sembra quindi destinata a concludersi nelle prossime ore.

L'unico deposito che resta bloccato dai manifestanti, ha detto un portavoce del ministero, è quello di Gargenville, vicino a Parigi.

Le evacuazioni sono cominciate questa mattina con il deposito di Donges, nella Loira Atlantica, sbloccato senza incidenti dopo essere stato sbarrato dai manifestanti dallo scorso 17 maggio. Dopo una serie di discussioni, l'operazione si è svolta tranquillamente: "non siamo qui per andare allo scontro", ha commentato uno degli scioperanti.

In totale 15 depositi, sul centinaio che si trovano in Francia, sono stati liberati senza incidenti dalle forze dell'ordine. La situazione è sempre difficile, invece, sul fronte delle raffinerie: sulle 8 totali del paese, soltanto due sono state al momento sbloccate. Un terzo delle stazioni di servizio del Paese è al momento a secco, ma secondo il ministero dei Trasporti la situazione dovrebbe migliorare nelle prossime ore.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS