Navigation

Francia: sciolta organizzazione CCIF, "propaganda islamista"

Il governo francese ha disciolto oggi il "Collectif contre l'islamophobie en France" (CCIF), accusato di fare "propaganda islamista". KEYSTONE/EPA AFP POOL/LUDOVIC MARIN / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 dicembre 2020 - 20:19
(Keystone-ATS)

Il governo francese ha disciolto oggi il "Collectif contre l'islamophobie en France" (CCIF), accusato di fare "propaganda islamista".

Il CCIF era finito alla ribalta dopo che a metà ottobre l'insegnate Samuel Paty è stato decapitato per aver mostrato agi alunni le caricature di Maometto di Charlie Hebdo.

Venerdì scorso, il CCIF aveva cercato di anticipare la decisione, annunciando di essersi sciolto da solo, indipendentemente dalle scelte dell'esecutivo di Parigi, trasferendosi all'estero.

In un tweet pubblicato oggi, il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin, è tornato ad accusare l'organizzazione di condurre "da tanti anni", "con costanza", "un'azione di propaganda islamista".

Condividi questo articolo