Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scontri e arresti in diverse città francesi, mentre il Paese è bloccato da uno sciopero generale indetto dai sindacati contro la riforma del lavoro, giudicata troppo liberale e considerata un passo indietro nei diritti del lavoratori.

La protesta ha portato allo stop della Tour Eiffel e dei servizi ferroviari, decine le scuole chiuse con gli studenti a manifestare.

La polizia ha usato gas lacrimogeni per disperdere dimostranti a Nantes e Rennes, mentre a Parigi sono stati fermati 10 giovani durante scontri con le forze di sicurezza. Tre i poliziotti feriti mentre a Marsiglia sono state fermate e interrogate due persone. Il portavoce del governo, Stephane Le Foll, ha lanciato un "appello alla calma", ricordando che "esiste il diritto a manifestare per esprimere rivendicazioni e questo è legittimo, ma d'altra parte non si deve dare l'occasione ad alcuni di darsi ad atti di violenza". Decine di migliaia le persone che sono scese in piazza in tutta la Francia, nonostante le forti piogge, con oltre 200 manifestazione, marce o raduni organizzati nel Paese. Già da stamattina, i primi disturbi alla circolazione, con oltre 400 chilometri di code nell'Ile de France, e più di 250 nella provincia. Oltre a questo, uno sciopero separato indetto dai controllori del traffico aereo minaccia migliaia di passeggeri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS