Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro francese dell'Interno, Manuel Valls, ha annunciato che i criteri per la cittadinanza, inaspriti dal governo di destra dell'ex presidente, Nicolas Sarkozy - con l'introduzione tra l'altro di un test d'ingresso di storia e cultura generale - verranno rivisti.

"I riconoscimenti di cittadinanza sono in caduta libera - ha detto Valls - se non facciamo qualcosa questo numero diminuirà ancora del 40% entro il 2012 dopo un'abbassamento del 30% tra il 2010 e il 2011. La sfida dell'immigrazione sarà vinta se la cittadinanza non sarà più vissuta come un percorso a ostacoli ma come il risultato di un processo d'integrazione".

Persevera invece la linea dura del governo francese contro i campi rom: "La situazione oggi a Lione, Aix-en-Provence e nella periferia di Parigi e di Lille - ha spiegato il ministro - ci obbliga a procedere a nuovi sgomberi".

Riguardo alla cittadinanza, lo scorso febbraio l'ex ministro dell'Interno, Claude Gueant, aveva annunciato la creazione di un test d'ingresso di storia e cultura generale, oltre a quello di lingua e di una carta dei diritti e dei doveri del cittadino.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS